Autorizzazioni beni storico artistici ed etnoantropologici

Il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D. Lgs. 42/2004), e successive integrazioni e modificazioni, individua con chiarezza quali sono gli interventi vietati e quali, invece, gli interventi consentiti sui beni culturali, previa specifica autorizzazione, che, a seconda del tipo di intervento, può essere resa dall'Amministrazione centrale o dalle Soprintendenze.

Sono vietati: la distruzione, il danneggiamento, l'uso non compatibile con il carattere storico artistico o tale da costituire rischio per la conservazione o per l'integrità del bene, nonché lo smembramento degli archivi pubblici e degli archivi privati per i quali sia intervenuta la dichiarazione dell'interesse culturale.

Sono soggetti ad autorizzazione da parte del Ministero, su istruttoria della Soprintendenza competente (art.21):

- la rimozione o la demolizione, anche con successiva ricostituzione, dei beni culturali;

- lo spostamento, anche temporaneo, dei beni culturali mobili, fatto salvo il caso in cui il detentore del bene cambi sede o dimora (in questa evenienza è necessario solo dare comunicazione dello spostamento alla Soprintendenza);

- lo smembramento di collezioni, serie e raccolte

Le richieste di autorizzazione sia per i beni mobili sia per gli affreschi da parte dei privati prevedono obbligatoriamente l'apposizione del bollo (D.P.R. n. 642/72 integrato dal D.P.R. n. 955/82, art. 3, relativo a qualunque istanza presentata a un ufficio pubblico ai fini dell'emanazione di un provvedimento amministrativo).

Ai fini del rilascio della prevista autorizzazione, dovrà essere presentata apposita richiesta, corredata da un progetto nel quale venga dettagliatamente ed adeguatamente illustrato l’intervento. Il progetto riguardante gli apparati decorativi dovrà essere firmato da un restauratore di beni culturali qualificato ai sensi della normativa vigente nonché specializzato nel settore relativo al restauro in questione, e dovrà includere, in presenza di cantieri più complessi, indicazioni sul piano della sicurezza.